fbpx

Nel cuore del Parco nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, vicino al confine tra Romagna e Toscana, vi è un luogo magico dove la natura e l’uomo hanno trovato il modo di incontrarsi e collaborare in perfetta armonia ed equilibrio.

Un ambiente estremamente suggestivo e particolare, avvolto da lussureggianti boschi e con un’importanza davvero strategica.

Ebbene sì, sto parlando proprio di loro: il lago e la diga di Ridracoli!

il lago e la diga di ridracoli dal sentiero lungolago
Eccovi un primo spoiler. Continuate a leggere per scoprire di più 🙂

IL LAGO E LA DIGA DI RIDRACOLI: UN PARADISO DI NATURA TRA LE FORESTE CASENTINESI

Chiudete gli occhi e immaginate questo: un lago dalle acque color smeraldo che ricorda un fiordo norvegese, incastonato fra freschi e rigogliosi boschi preappenninici e racchiuso, a un’estremità, da una peculiare opera idraulica.

Impossibile non rimanere davvero sorpresi/e quando si giunge per la prima volta al cospetto del bacino di Ridracoli: per un attimo, la mente e lo sguardo sguardo faticano a mettere in relazione la monumentale diga ad arco-gravità con lo spettacolare scenario naturalistico circostante.

il lago e la diga di ridracoli: l'imponente e alta costruzione
Eppure, come si constata esplorando l’area, questi due elementi coesistono in un raro e interessante equilibrio fra natura e ingegneria umana

Siamo a una decina di chilometri dal paese di Santa Sofia, nel comune di Bagno di Romagna e nella provincia di Forlì-Cesena. Qui, a 557 metri di quota, il fiume Bidente incontra il rio Celluzze in quello che, dall’inizio degli anni Ottanta, è il lago artificiale di Ridracoli.

il lago di ridracoli e le colline a picco sull'acqua
Una cartolina per voi

Il complesso di Ridracoli ha richiesto ben sette anni per la propria edificazione, precisamente dal 1975 al 1982. Dopo un periodo di studio e analisi, si decise di costruire qui una grande diga, capace di garantire acqua potabile di buona qualità ai comuni della Romagna, fomentare il progresso sociale ed economico del territorio e, al tempo stesso, conservare l’acqua senza dispersioni.

il lago di ridracoli: scorci bellissimi sulla folta vegetazione
Si scelse questo luogo per vari motivi: l’impermeabilità della struttura geologica del terreno, l’altitudine (che consente di far arrivare l’acqua per caduta a tutti gli utenti dei comuni designati, l’assenza totale di fonti di inquinamento, la massiccia copertura vegetale dell’ambiente (utile a prevenire frane e smottamenti), e così via.

QUALCHE INFORMAZIONE E CURIOSITÀ SULLA DIGA DI RIDRACOLI

Poco fa ho scritto che la diga di Ridracoli è una diga ad arco-gravità. Cosa significa?

Con tale termine si intende che, dal punto di vista tecnico, la sua struttura ha la capacità di reagire alla spinta dell’acqua grazie al suo peso e alla sua caratteristica forma ad arco.

il lago e la diga di ridracoli: diga ad arco-gravità
Qualche dato per farvi capire le proporzioni: la sua altezza raggiunge i 103.5 metri, la sua lunghezza è di 432 metri, e la sua larghezza si colloca tra i 10 e i 36 metri

L’invaso della diga si protende per quasi 5 chilometri nella splendida vegetazione del Parco, ed è contraddistinto da diversi scarichi. Tra questi ultimi troviamo quello di fondo, che mantiene operoso il fiume Bidente rilasciando costantemente ventri litri d’acqua al secondo, e quello di superficie, contraddistinto da otto aperture poste al di sotto del coronamento della diga.

la diga di ridracoli in un giorno nuvoloso
Quando l’invaso si riempie d’acqua, queste aperture consentono il fenomeno della tracimazione, grazie al quale possono fuoriuscire fino a 600 metri cubi d’acqua al secondo

Ovviamente, un’opera di tali proporzioni necessita di un controllo e un’attenzione costante: vi sono dunque 900 punti di misura lungo tutto il corpo della diga, e oltre duecento strumenti che permettono di raccogliere continuamente informazioni su tutte le parti della struttura (il livello d’acqua nell’invaso, la temperatura dell’acqua e dell’aria, i movimenti tra il corpo della diga e la roccia che la circonda, …).

Durante i sette anni di costruzione della diga, diverse aziende e più di 500 persone al giorno hanno lavorato qui, spesso senza sosta e in tre turni giornalieri da otto ore l’uno. Fu anche edificato accanto all’immenso cantiere un piccolo villaggio ben attrezzato, che poteva ospitare fino a 350 lavoratori.

COSA FARE AL LAGO E ALLA DIGA DI RIDRACOLI: TANTE ESPERIENZE IN MEZZO ALLA NATURA

L’avrete ormai capito: la diga di Ridracoli è un luogo davvero speciale, che merita assolutamente di essere conosciuto ed esplorato.

Vi sono molteplici attività ed esperienze da vivere qui, e vi consiglio caldamente di dedicarci almeno una giornata piena (anche se, ne sono sicura, ci tornerete altre volte).

Vediamo un po’ che cosa si può fare qui!

GIRO DELLA DIGA

La primissima delle cose da fare a Ridracoli è sicuramente un bel giro della diga, concedendosi una passeggiata lungo il suo coronamento.

Alla vostra destra potrete ammirare lo splendido lago con le verdeggianti colline che lo delimitano, mentre a sinistra osserverete dall’alto la vasca che, in caso di tracimazione, raccoglie le acque.

il coronamento della diga con bandiere

Al termine del camminamento, dalla parte opposta rispetto a quella da cui siete arrivati/e, troverete un piccolo bar, i servizi igienici e il punto di imbarco del battello elettrico (che vi racconto a breve).

TREKKING E PASSEGGIATE

Come forse avrete intuito, quest’area si presta anche a innumerevoli trekking, tra cui non posso non segnalarvi giro ad anello intorno al lago.

Si tratta di un percorso di circa 18 km, abbastanza impegnativo e con un dislivello di 1000 metri. Io non l’ho ancora provato, ma alcune fonti riportano che non sempre è segnalato bene e che, in alcuni casi, certi suoi tratti possono essere chiusi per rischio di frane.

Se vi interessa cimentarvi nell’impresa meglio che prima raccogliate un po’ di informazioni, ma esistono comunque tanti altri percorsi splendidi da intraprendere.

Un’opzione più alla portata di tutti, che si può fare in giornata abbinandola alle altre esperienze qui descritte, è l’escursione al rifugio Cà di Sopra. Si tratta di un itinerario di 5 chilometri totali (andata e ritorno) e con un dislivello di 150 metri, che vi consente di raggiungere questo bel rifugio tradizionale posto in un invidiabile punto panoramico sul lago.

Dopo aver superato il bar della diga, dovrete attraversare due gallerie allestite con fotografie, curiosità e pannelli informativi relativi alla diga, al territorio e alla nutrita fauna locale. In seguito, il percorso prosegue alternando un bellissimo tratto lungolago e una parte immersa nella meraviglia dei bellissimi boschi.

valentina sul sentiero lungo il lago di ridracoli
Un pittoresco tratto del percorso lungolago

Al rifugio potrete concedervi un bel pranzetto o una golosa merenda e, se sarete fortunati/e, potrete anche imbattervi in qualche cervo o daino!

valentina e il lago di ridracoli dal rifugio ca di sopra
E poi avrete una vista sul lago di questo genere

TOUR IN BATTELLO ELETTRICO SUL LAGO

Il tour in battello elettrico sul lago di Ridracoli è un’esperienza stupenda, che vi consiglio caldamente.

il lago e la diga di ridracoli: il battello elettrico sul lago
Io l’ho provato, e mi è piaciuto tantissimo!

A bordo di un battello elettrico avrete la preziosissima occasione di solcare le acque cristalline del lago esplorando i suoi angoli più nascosti e suggestivi. Se uno dei due rami in cui si suddivide il bacino è più corto, l’altro ricorda molto un fiordo, con diverse anse che puntano proprio al cuore delle meravigliose Foreste Casentinesi.

il lago e la diga di ridracoli: boschi a picco sull'acqua
Impagabili i paesaggi e gli scorci che si ammirano

Il tour ha una durata di 45 minuti, e a bordo è presente una guida che racconta la storia della diga e tante curiosità sull’ambiente circostante. Potete prenotare online il biglietto nella sezione dedicata al Circuito AmaParco del sito di Atlantide (dove potrete anche selezionare l’orario che più preferite in base a quelli disponibili).

il lago e la diga di ridracoli: scorci pittoreschi
Uno dei miei scatti preferiti

Durante il tour avrete anche la possibilità, previo accordo con il comandante, di farvi lasciare presso una delle due zattere presenti sul lago (quella del Comignolo, in direzione Foresta della Lama, e quella nei pressi del rifugio Cà di Sopra); potrete quindi rientrare alla diga a piedi, con una bella escursione, oppure farvi recuperare da una delle corse successive del battello.

zattera sul lago di ridracoli
Potreste sbarcare in un ambiente fatato!
casetta antica in mezzo al lago di ridracoli
Il tour in barca vi consente di scoprire pezzi di storia segreti di questo territorio, come questa antica casa che sorgeva proprio dove oggi c’è il lago artificiale

AVVENTURE IN CANOA

Un’altra splendida esperienza, che vi consente un ancor più intenso contatto con la natura, è optare per la canoa.

A suon di pagaia potrete esplorare i diversi angoli del lago, sempre con una guida e/o un istruttore a disposizione, che vi racconterà la storia e le caratteristiche del territorio. Un’esperienza emozionante e avventurosa, anche in questo caso vi consiglio di dare un’occhiata a tutte le diverse proposte sullo shop del circuito AmaParco di Atlantide per avere maggiori informazioni e prenotare.

il lago e la diga di ridracoli: bosco e sentiero sul lago
Con un pizzico di fortuna, in questi meravigliosi scorci, si possono avvistare animali quali cervi, daini e cinghiali

VISITA AL MUSEO IDRO

Un’altra tappa molto interessante, da abbinare alle altre esperienze in diga, è la visita a IDRO, l’Ecomuseo delle Acque di Ridracoli. 

Il tema principale del museo è l’acqua, e i quattro piani in cui si articola vi consentiranno di scoprire i rapporti tra quest’ultima e l’uomo, l’ambiente, la foresta, la vita. Il percorso di visita vi regalerà un’esperienza immersiva, con tanti strumenti quali touch screen, visori per la realtà aumentata, modellini, esperimenti e giochi interattivi.

La sede centrale di IDRO non si trova direttamente sulla diga, bensì più in basso, lungo la strada che collega Santa Sofia a Ridracoli. Il suo costo è compreso nel biglietto per accedere regolarmente alla diga.

  • Orari di apertura di IDRO – dal 6 giugno al 31 luglio 2022 è aperto dal martedì alla domenica dalle 9.00 alle 19.00. Dal 1° al 31 agosto 2022 è aperto tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00. Dal 1° all’11 settembre 2022 è aperto solo il sabato e la domenica, sempre dalle 9.00 alle 19.00. Dal 12 settembre al 23 ottobre 2022 è aperto solo il sabato e la domenica dalle 10.00 alle 18.00, mentre dal 24 ottobre all’8 dicembre 2022 è aperto solo il sabato e la domenica dalle 10.00 alle 17.00.

COME ARRIVARE AL LAGO E ALLA DIGA DI RIDRACOLI

Il paese più vicino e più comodo per raggiungere la diga di Ridracoli è Santa Sofia, dal quale bisogna proseguire per una ventina di minuti prima sulla strada SS310, poi sulla SP112.

Seguendo quest’ultima strada, transiterete prima accanto all’Ecomuseo IDRO, poi arriverete alla biglietteria; proprio qui incontrerete diversi parcheggi, in cui potrete lasciare il vostro mezzo e salire su alla diga a piedi, in circa mezz’ora di cammino.

Se non volete camminare, e se l’affluenza alla diga lo consente, potrete salire in auto fino alla diga stessa, prima della quale è presente un piccolo parcheggio che potrebbe riempirsi in fretta nei weekend estivi.

Nei giorni di maggior afflusso è attivo un servizio navetta.


Articolo scritto in collaborazione con AmaParco.

Valentina, l’autrice di Kilig Travel Blog

Scrivo, fotografo, mangio e racconto storie sul mondo e sulle cose belle. Amo l’autunno, i libri, i piccoli borghi, i tramonti sul mare, la mia gatta Trippy, i tortellini in brodo (sono bolognese, come potrebbe essere altrimenti?), la montagna, il caffè.


1 commento

Lara · 17 Giugno 2022 alle 15:25

Abituata ai paesaggi dolomitici, questi panorami sono molto diversi, ma comunque sempre delle bellissime cartoline!

Scrivi un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: