21 giugno 2018, flusso libero di pensieri

Solstizio d’estate, giorni liberi dietro e davanti.

Appunti di un viaggio che, a brevissimo, mi condurrà in una piccola isola greca, una di quelle che ha il privilegio di essere, ancora oggi, meta prediletta dalla tartaruga Caretta Caretta.

Proprio il fatto che questo antico animale marino nidifichi in quelle piccole spiagge mediterranee mi ha spinto a scegliere quest’isola, e non un’altra, per il mio viaggetto di fine giugno.

Un po’ perchè è troppo tempo che non vado nella mia amata Grecia, un po’ perchè questo fatto di uova e tartarughe mi mette pace nel cuore, e mi trasmette una sensazione di limpidezza.

l’arte di seguire l’istinto

Ho sempre vinto la coppa di persona assai impulsiva, ma non lo sono mai stata così tanto come in questo momento. Le emozioni sono la mia costante guida spirituale (lo dimostra anche il nome di questo blog) tuttavia, in molte occasioni, mi sono lasciata sopraffare dal lavorio mentale, dai lambiccamenti macchinosi.

Diverse volte ho pensato troppo prima di agire, prima di fare. E, in alcuni casi, non ho fatto proprio nulla e ho lasciato andare, pentendomene.

l'arte di accogliere le piccole cose: dettagli di una finestra

Istintiva e impulsiva in certi momenti, pensierosa e nevrotica in altri. Normale amministrazione, sono del segno dei Gemelli e sono una femmina, quindi tutto ok e comprensibile.

Però, ultimamente, riscontro sempre di più la necessità di lasciarmi guidare dal cuore e dalla pancia, e di evitare quelle cose che, istintivamente, mi rubano l’ossigeno o mi chiudono lo stomaco.

Ho rifiutato lavori che nulla avevano a che vedere con me, ho evitato situazioni che erano una presa in giro al mio modo di essere e al mio pensiero, ho smesso di indossare certi vestiti che cominciavano ad andarmi stretti.

Insomma, ho imparato a dire di no, e ho capito che non è una brutta cosa, anzi: il no, a volte, ti salva la vita.

l’arte di saper dire di no

Sono stata iniziata all’arte della pazienza e della consapevolezza.

Per esempio, ho detto no a persone che mi avvelenavano l’anima, no a quello che fanno tutti, no al conformismo. No a sentieri sicuri ma tracciati da altri, no ai sorrisi di circostanza, no alle cose grandi e appariscenti.

Ovvio, a non tutto si può opporre questa parolina di due lettere, ci sono casi in cui bisogna scendere a compromessi. Ma, ho appreso, è necessario che il compromesso valga la pena, che la rinuncia a quel qualcosa, o che quell’incontro a metà strada, serva per il fine più grande.

l'arte di accogliere le piccole cose: mini cactus in fiore

Il nostro sogno, la nostra volontà, il nostro sentiero della vita.

l’arte di saper dire di sì

In mezzo a questa caterba di negazioni, ho fatto anche tanti sorrisi sinceri e ho imparato anche a dire nuovi sì. Alle sfide che mi fanno scorrere l’adrenalina nel sangue, al coraggio, ai progetti instabili ma vivi.

l'arte di accogliere le piccole cose: fiori d'acqua al parco sigurtà

Sì alle piccole cose della vita, quelle che chi va di fretta o è impegnato a rincorrere le robe grandi e appariscenti lascia indietro: il tempo passato con i nonni ormai novantenni, le giornate al mare di maggio in mezzo alla settimana, quando non c’è nessuno e il mare è limpido, le nuove rose sul mio balcone, le mille foto finalmente post-prodotte e sistemate.

Il caffè in pasticceria con le amiche, senza fretta. I giri in bici in campagna.

Lo so, per godersi queste cose ci vuole il tempo. Dono di cui, purtroppo, non tutti possono disporre a piacimento.

cane simpatico in attesa presso un balcone di Specchia

Io, di tempo, ultimamente ne ho avuto tanto, e sono profondamente grata per questo.

Un regalo preziosissimo che non durerà a lungo, ma che mi ha insegnato tante cose, che mi ha donato la facoltà di imparare a vedere, imparare a sentire, imparare ad aspettare.

l'arte di accogliere le piccole cose: un pettirosso altoatesino raccoglie briciole per i suoi piccoli

l’arte di accogliere le piccole cose

Di recente ho preso l’abitudine di andare a camminare la mattina. Mi basta allontanarmi un chilometro dal paese, e l’aperta campagna di inizio estate mi abbraccia, maestosa.

Non ci sono macchine, solo qualche mietitrebbia o qualche trattore. I campi di grano sono di un ocra bruciato, e contrastano con il verde degli alberi e l’azzurro di un cielo ancora non soffocato dall’anti-ciclone.

Cammino veloce e respiro, mi guardo intorno.

Fagiani innamorati che si rincorrono schiamazzando, tortore tubanti, rondoni e pure qualche strano rapace che, probabilmente, si è spinto troppo a sud. Leprotti zompettanti in mezzo ai campi di cipolle, bellissime farfalle, un asinello simpaticissimo nel cortile di una vecchia casa colonica, che quando mi vede arrivare si avvicina alla staccionata e si lascia accarezzare.

l'arte di accogliere le piccole cose: simpatico asinello peloso

Tutto questo è unico, e io penso alla fortuna segreta che abbiamo: in ogni momento, quando il nostro cuore è pesante, la natura, il mondo, ci forniscono il conforto, ci forniscono la leggerezza.

Dobbiamo solo esserne consapevoli, riconoscere che sono lì per noi, capire che la farfalla che si appoggia sulla nostra pelle e ci insegue è un segnale importante, una cosa magica e non scontata.

Dobbiamo aprire gli occhi e il cuore, dobbiamo imparare l’arte di accogliere le piccole cose.

l'arte di accogliere le piccole cose: bacche sarde

 

 

 

 


7 commenti

raffigarofalo · 11 luglio 2018 alle 9:01

Bellissimo questo post. Le foto che hai scelto si sposano perfettamente con quello che vuoi trasmettere. L’arte di saper accogliere la vita. Sempre.

elisascuto · 6 luglio 2018 alle 23:10

Ho avuto la tua stessa fortuna di recente e ho apprezzato cose che per anni ho ignorato…È un’arte importante, quella delle piccole cose, che ci rende molto più consapevoli di cosa è importante davvero!

    Valentina · 9 luglio 2018 alle 16:36

    Esattamente! Sembrano parole scontate, ma il saper vedere e apprezzare la magia delle piccole cose non è una questione così semplice! 🙂

Arianna Lenzi · 6 luglio 2018 alle 13:16

Che bel pensiero <3 sono con te, nelle piccole, e bellissime, cose!

    Valentina · 9 luglio 2018 alle 16:37

    Grazie mille cara Arianna! <3 Sono felice che tu abbia apprezzato il mio pensiero!

Selene · 6 luglio 2018 alle 12:17

Non sai come ti capisco !! sarà che siamo dei gemelli entrambe !! Bisogna apprezzare ciò che si ha e stare bene con se stessi che non sempre è facile!

Ally Blue · 6 luglio 2018 alle 11:26

I grandi gesti si fanno solo poche volte nella vita, il segreto per apprezzare quello che si ha, sta proprio nell’arte di saper apprezzare la piccole (ma grandi) cose che abbiamo accanto ogni singolo giorno!

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: