“Solo dove sei stato a piedi sei stato veramente”, diceva Goethe.

Raggiungere una meta camminando, viaggiare facendo uso solo delle nostre gambe. Assaporare lentamente e profondamente ciò che ci circonda senza mediazioni, sentirsi parte del mondo, cogliere tutti i più piccoli dettagli presenti lungo il nostro cammino. Vederli mutare nel tempo, possedere la consapevolezza di essere presenti, di “sentire” personalmente il momento, di essere i protagonisti del viaggio in ogni singolo istante.

E poi, camminare è sinonimo di vita, e di libertà.

Tra Emilia-Romagna e Toscana: escursione ad anello nei paesaggi dell’Appennino

Appennino... quando sento questa parola non posso fare a meno di pensare ai miei nonni, ai loro racconti appassionati e ...
Leggi Tutto
un manto di neve bianca e cielo azzurro

Nove cartoline invernali dai paesaggi del Monte Cimone

la montagna di modena e bologna Il Monte Cimone è la montagna di casa degli emiliano-romagnoli. La sua inconfondibile forma, ...
Leggi Tutto